lunedì 27 luglio 2020

Brioche senza burro con impasto alla ricotta - il ricordo dell' EVENTO

Ultimamente Facebook è parco di ricordi.
Mi ha ricordato la nascita della mia amicizia (su fb perché quella reale era iniziata ben prima) con LoveOfMyLife.
Mi ha ricordato la partecipazione a concerti meravigliosi, ad eventi particolari con i nostri amici di sempre.
E poi... mi ha ricordato LUI. L' evento
Non era il primo e non sarebbe nemmeno stato l' ultimo, in verità.
Era solo uno dei tanti eventi che avrebbero caratterizzato i miei primi 13 anni e mezzo di vita a Trofarello. Eventi che hanno "intossicato" la vita di mia mamma e mia e causati sempre dalla stessa persona: la famigerata vicina del piano di sopra. Della sua dipartita vi scrissi qui.
Nel ripensare a quell' evento, in ogni caso, ora ci rido su... ma all'epoca...............

L' EVENTO
Suonano al citofono. Rispondo:
"Sì????" dall'altro capo:
"Alè chi chila ch'la dà???(Trad.: "abita qui quella che la dà?")
Esco per inquadrare il soggetto.
Un anziano di più di 80 anni in bicicletta.
Desiderosa di essere illuminata come S. Paolo sulla strada per Damasco gli chiedo lumi.
La mia vicina, incontrata alla bocciofila, gli aveva raccontato che sotto di lei abitavano madre e figlia (mia madre ed io, x inciso) che fornivano prestazioni sessuali a pagamento (sospetto che lei non si fosse espressa in questi termini, all' epoca).
L' anziano, evidentemente uno dei pochi che ammettesse altri svaghi oltre alla supervisione dei cantieri, a dimostrazione della sua buona fede ci mostra il bottiglione d'olio (non è una metafora...era proprio un bottiglione d'olio d'oliva) con il quale intende pagare la prestazione.
Con i fumi dalle narici che manco il Grisù, gli rispondo che ha sbagliato il campanello e che deve provare a citofonare alla signora del piano di sopra.
Il vecchietto, fatto 2+2 (sapeva bene chi abitava sopra di noi) col bottiglione in mano e la coda tra le gambe si è visto costretto ad allontanarsi a bocca asciutta e con il "sottofondo musicale" della voce di mia mamma che gli urlava: 
"Vecchio sporcaccione! S. Andrea ti ha levato la forza e ti ha lasciato l'idea!".

FINE DELL' EVENTO

Ma veniamo alla ricetta che proviene dritta dritta dall' archivio di quelle fatte e create in periodo di lockdown.
Un pan brioche creato ad-hoc per poter smaltire della ricotta prossima alla scadenza.

INGREDIENTI per uno stampo a cerniera del diametro di 19 cm:
  • 450 gr. di farina 00
  • 6 gr. di lievito di birra fresco
  • 40 gr. di zucchero semolato
  • 200 gr. di ricotta vaccina sgocciolata e setacciata
  • 1 uovo a temperatura ambiente
  • 1 pizzico di vaniglia Bourbon in polvere
  • 150 ml. di latte parzialmente scremato a temperatura ambiente
  • la scorza grattugiata di un'arancia (sostituibile con quella di un limone visto che ora di arance non se ne trovano più)
  • 1 cucchiaino raso di sale fino
  • latte per spennellare
STRUMENTI:
  • ciotola
  • ciotolina
  • setaccio
  • forchetta
  • planetaria
  • grattugia
  • pellicola per alimenti
  • stampo rotondo di 22 cm di diametro
  • carta da forno
  • pennello in silicone
PREPARAZIONE
Un' oretta prima di iniziare ho tolto dal frigorifero il latte, l'uovo e la ricotta (che ho setacciato) ed ho grattugiato la scorza dell' arancia.
In una ciotolina ho messo il latte a temperatura ambiente e vi ho sciolto il lievito. 
Nella ciotola della planetaria ho mischiato tutti gli ingredienti secchi con l'uovo e la scorza di arancia e per ultimi ho aggiunto il latte con il lievito.
Ho impastato fino ad incordare. 
Ho coperto la ciotola con la pellicola per alimenti e messo l'impasto a lievitare a temperatura ambiente  per circa 2 ore. 
Ho poi trasferito la ciotola con l' impasto nel frigorifero e lasciato maturare per 10 ore.
Tolto dal frigorifero ho lasciato l' impasto a temperatura ambiente per 8 ore (con questo caldo i tempi saranno sicuramente diversi. Lasciate lievitare l'impasto finché non raggiunge la pellicola). 
Ho sgonfiato l' impasto, impastato brevemente, fatto 8 palline di ugual peso e messo in teglia con fondo rivestito di carta forno. Spennellato con latte e fatto lievitare altri 45 minuti. 
Trascorsi 30 minuti ho acceso il forno impostando la temperatura di 190°C.
Prima di infornare, ho spennellato con altro latte ed infornato, abbassando la temperatura a 180°C,  per 30 minuti.




La brioche nella sua interezza



L' interno




Vi abbraccio.
A presto,
LaGio' Riccia

21 commenti:

  1. Il pan brioche è favoloso, ma viene surclassato dall'Evento :D
    Credo che adesso ci si possa ridere sopra, ma immagino la rabbia del momento....
    Buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rabbia seconda solo all'incredulità :-D
      Buona settimana anche a te!

      Elimina
  2. Ora si ci ridiamo sopra io l'avrei fatto fare le scale di corsa a suon di scopa sul c...
    Buonissima ricetta io però come sai non so panificare anche perchè a parte io marito non mangerebbe e siamo solo noi due.Anche se in pausa passerò volentieri da te. Un abbraccia buona continuazione di settimana e buona estate per quanto si può fare. :k :k

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortunatamente era una persona innocua (il vecchietto).
      Grazie mille della tua presenza costante :-)
      Un bacione

      Elimina
  3. Adoro il brioche and this looks wonderful !! Un abbraccio e buona settimana

    RispondiElimina
  4. No va beh... da fargli bere il boccione d'olio a lui e a quella del piano di sopra per purgarli adeguatamente! Ottima quella brioche con la ricotta che adoro poi... ho messo gli occhi a cuoricino! Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehh guarda...ci avesse fatto solo questo, la tizia del piano di sopra...
      Era sofficissima e golosa! Provala! Magari quando le temperature sono un po' + umane....;-)
      Un abbraccio

      Elimina
  5. Ma che meraviglia di brioche!!!!!

    RispondiElimina
  6. Bellissima brioche, uso anch'io la ricotta a volte, dona molta morbidezza😋😋😋😋baci

    RispondiElimina
  7. ahahah..oddio che situazione imbarazzante!!!
    Golosissima la tua brioche, direi che durante il lockdown ti sei coccolata a dovere, brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo se ridere o incavolarmi o mettermi a piangere, giuro!!!
      Sì, tanto bisogno di coccole :-)
      Un bacione

      Elimina
  8. Ciao Giò, ma era davvero terribile, una strega direi! Questa brioche è deliziosa, soffice e sicuramente più leggera. Ti abbraccio e buone vacanze, a presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, una megera, per la precisione :-D.
      La brioches ci è piaciuta moltissimo proprio per la sua sofficità e la sua leggerezza.
      Un grande abbraccio e buona vacanze anche a te!

      Elimina
  9. Ma che meraviglia è sofficissimo una vera squisitezza! Ciaooo carissima e buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annalisa, sono contenta che ti piaccia :-).
      A presto!!

      Elimina
  10. Non sarei riuscita a mantenere la calma!!! Concordo con Edvige ed alla signora forse avrei riservato una bella tirata di capelli!
    Meglio concentrarsi sulla brioche... stupenda!!!
    Un bacione grande!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, talvolta nel sentire gli altri lagnarsi del cattivo vicinato per questioni di poco conto, mi ritrovo a pensare che forse ho sopportato fin troppo!!!
      Sono contenta che la brioche ti piaccia ;-)
      Ricambio il bacione

      Elimina
  11. A volte certe convivenze condominiale possono essere molto faticose...Complimenti per la brioche è una meraviglia!
    baci
    Alice

    RispondiElimina