martedì 6 febbraio 2024

Crackers ai semi aromatizzati alla cipolla - ricetta veloce per un racconto lungo

Una sera di svariati anni fa.

Con mamma e sorella ci rechiamo in un paese della collina torinese per un rosario (era mancato il papà di una mia cara amica).

Mentre siamo in Chiesa inizia ad abbattersi, sul paesello e zone limitrofe, una bomba d'acqua che in poco meno di un' ora fa danni indicibili.

All' uscita dalla Chiesa il sole è già tramontato ma grazie al cielo non piove più.

Lievemente rincuorata mi metto al volante della mia amata Franky per tornare a casa: una decina di chilometri percorsi su strade di paese.

N.d.R.: All' epoca ero patentata da pochi anni e, soprattutto, non guidavo moltissimo (solo nel fine settimana).

Procedo cauta ed un filo atterrita nel constatare quali e quanti danni ha causato il nubifragio  di poco prima.

La strada è scarsamente illuminata. Raggiungo il punto del percorso nel quale la strada digrada e passa sotto un ponticciolo.

All' improvviso vedo davanti a me una pozza d'acqua (tipo lago). Decido di procedere ugualmente ("e che diamine! sarà mica così profonda?!") ma, ne vedere il livello dell' acqua alzarsi, perdo la mia determinazione e mi fermo. 

L'acqua arriva a metà pneumatico. Preda della mia scarsa destrezza/esperienza/prontezza, inserisco la retromarcia ma la mia amata Franky si spegne (ovviamente per colpa mia).

Provo a riavviare. La macchina non parte. Ci riprovo. Stesso risultato. 

In mezzo ai toni concitati di mia sorella (impaurita) mi rendo conto che siamo sole, nel buio della notte (comunque la luce era quella), in un punto non molto visibile di una strada a bassa frequentazione.

Il sonoro "Giuà" di mia mamma che con disapprovazione mi redarguisce per la mia esclamazione ruspante "O ca##o! E mo'?!?" mi lascia ad intendere che, almeno lei, riesce a conservare un po' di calma e mi infonde coraggio (si preoccupava più di riprendermi che del pasticcio in cui eravamo finite).

Mentre cerco in borsa il mio cellulare per provare a chiamare l' autosoccorso, dall' altro versante del pozzangherone, ecco comparire i fari di un mezzo gigantesco: un camion dei vigili del fuoco.

I pompieri erano lì per aspirare l'acqua del lago/pozzangherone.

Prontamente abbasso il finestrino, sventolo il braccio, urlo "ehi siamo qui!" coperta dal suono del clacson cui mi attacco come se non ci fosse un domani e ci aggiungo anche una sfanalata "che male non fa!" (il tono della mia mamma aveva virato decisamente sull' approvazione).

A quel punto vedo il vigile dal lato del guidatore scendere dal camion.

Io urlo.

Lui fa qualche passo e mi fa un cenno con la mano.

Mi taccio e lascio in pace quel povero clacson.
Il pompiere si gira verso il suo collega ed urla - lo sentiamo tutte e tre distintamente - "Sì! Sì! E' donna!"

....

....

....

Con un sonoro "Ma daiiiiiii" lascio andare il capo contro il clacson che ovviamente funziona benissimo ed incita i vigili a darsi una mossa (cosa che ovviamente era ben lontana dalle mie intenzioni).

Morale della favola: i vigili ci hanno trainate fuori dalla pozza per cui anziché il muso da lesa maestà per l' orgoglio ferito ho sfoderato un sorriso (sincero!!) ringraziando e riconoscendo di aver ricalcato a pieno il cliché di "donna media al volante".

Piccola parentesi da romanzo rosa:
Poi va beh... mia mamma era convinta che l' eroe - uso parole non sue (cioè non di mamma) - ce stesse a prova' perché egli, notando il fiocco da ricevimento nuziale attaccato all' antenna di Franky,  aveva chiesto "è per un matrimonio?" ed io "sì! il suo", indicando mia sorella, "si è sposata 4 mesi fa".

L' eroe avrà pensato "questa è una povera scema" (ignorando che, in realtà, la cementificazione del fiocco all' antenna non era un vezzo romantico ma mi facilitava l' individuazione di Franky nei parcheggi).

"Ah il suo matrimonio? E tu? Non sei sposata?"...insomma robe così.

Io un po' imbarazzata (mi ero lasciata col moroso poche settimane prima) ho lasciato cadere la domanda nel vuoto e per colmare il silenzio sento la mia voce esclamare "Beh...si è fatto tardi! Grazie ancora!".

Fine Piccola parentesi da romanzo rosa.

Il vigile "anziano", che aveva osservato in disparte la scena, senza nemmeno provare a nascondere l' idea che si era fatto di me, esclama "Sì ma mica crederai che parta?".

Ed io "parte! parte!" (intanto mi ripetevo "beh?! sta certezza?")

Inserisco la chiave nel quadro. Giro. Magia. La mitica Franky con orgoglio (della serie "sta co@|!ona ci prova a boicottarmi ma io non cedo") riparte.

Poi va beh... il fatto che stesse per lasciarmi a piedi quando dovevo ripartire da casa di mia sorella e che nei giorni successivi in più di un' occasione mi abbia abbandonato è un' altra storia.

Storia terminata con la sostituzione del motorino di avviamento che pareva essersi rotolato nel fango (un po' come un candido Golden Retriever).

Quante risate nel ricordare quell' episodio. Ancora adesso a distanza di anni. Risate ma anche riconoscenza perché.... poteva andare decisamente peggio! Poteva piovere! [cit.] Oddio... aveva già dato poco prima.

Dato che vi ho seviziati abbastanza con questo racconto infinito, vi lascio una ricetta velocissima!!!
Vi prende la voglia di sgranocchiare qualcosa di salato? Di gustoso ma che possibilmente non attenti troppo al vostro girovita? 
Allora preparate questi favolosi crackers ai semi! La ricetta proviene da qui ma io l' ho modificata utilizzando farina di riso + semola al posto della farina di farro, diminuendo la quantità di olio ed aumentando leggermente quella di acqua e poi aggiungendo un' aromatizzazione. Io stravedo per la cipolla ad ogni modo i crackers sono buonissimi anche "nature".

Una leccarda di crackers: 

  • 40gr. di semi di girasole
  • 20gr. di semi di lino
  • 20gr. di semi di sesamo bianco
  • 1 cucchiaio pieno di semi di chia
  • 1/2 cucchiaino di sale in fiocchi + altro per cospargere i cracker (io ho usato del fleur de sel)
  • 45gr. di farina di riso integrale (*)
  • 20gr. di semola rimacinata di grano duro (*)
  • 2 cucchiai di cipolla in fiocchi
  • mezzo cucchiaino di cipolla in polvere
  • 65gr. di acqua
  • 30ml di olio extravergine di oliva

(*) la ricetta originale prevedeva solo un tipo di farina
Strumenti
:

  • ciotola
  • frusta a mano
  • leccarda
  • due fogli di carta da forno
  • mattarello
  • coltello
  • gratella 

Preparazione:

Ho acceso il forno impostando la temperatura di 180°C.
Nella ciotola ho inserito gli ingredienti nell' ordine in cui sono elencati.

Ho mescolato il tutto con la frusta a mano. Il composto che si ottiene è una specie di poltiglia tutta semi!
Ho versato il tutto su un foglio di carta forno, ho coperto con un ulteriore foglio di carta forno e con il mattarello ho steso l' impasto in una sfoglia sottile. 
Ho poi tolto il foglio di carta forno superiore, cosparso la sfoglia con altro sale in fiocchi e nuovamente coperto con la carta per far aderire bene il sale alla sfoglia. 
Prima di infornare, con un coltello (ma anche con un tarocco) ho praticato dei tagli sulla sfoglia per dare una forma di massima ai crackers. 
Ho provato anche con la rotella tagliapizza ma ve la sconsiglio perché la sfoglia tendeva ad arricciarsi.

Ho infornato per una ventina di minuti e comunque fino a doratura dei crackers. 
L' aroma della cipolla si sente molto + intensamente tanto più li lascerete raffreddare (il giorno dopo, ad esempio, sono spettacolari).
Si conservano diversi giorni in una scatola di latta mantenendo tutta la loro croccantezza e fragranza!





Provateli e ditemi se una volta assaggiati riuscite a fermarvi.
Vi abbraccio!
A presto,
LaGio' Riccia

43 commenti:

  1. I tuoi racconti sono sempre dettagliati e incredibilmente coinvolgenti, tanto che ho trattenuto il fiato quando la macchina non è ripartita, ma tutto è bene quel che finisce bene. E che dire di questi crackers? Che io li adoro e siccome ne faccio a dozzine, proverò anche questi che mi sembrano molto stuzzicanti :) Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela! Ti ringrazio :-D.
      Stuzzicanti e poi sono senza lievito...per cui... ;-)
      Sono certa ti conquisteranno.
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Ciao Gio i tuoi racconti sono sempre coinvolgenti e sono rimasta anche io con il fiato sospeso anche se parzialmente tranquilla visto che sei qui a raccontare il fatto :))) per fortuna, anche se pensano male di noi povere donne al volante, ci sono i pompieri!!! E questi crackers sono una bomba anche loro e non .... d'acqua ;) bacioni alla prossima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carla!!! Grazie :-D! Ehhh sì... santi subito, i pompieri ;-)
      Ahahahahaha un bacione

      Elimina
  3. Belli e sicuramente anche buoni. Adoro i cracker fatti in casa :)

    RispondiElimina
  4. E' andata bene... ma che paura!!! Mi piace molto leggere i tuoi racconti, bravissimissima! Mi piacciono anche i tuoi crackers :)
    li proverò sicuramente, un abbraccio e felice fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao stellina! Grazie!!!! eh sì...ci siamo prese una bella "strizza" ma riconosco che non poteva andarci meglio ;-).
      Provali, provali! un abbraccio

      Elimina
  5. è sempre uno dei miei incubi trovarmi con la macchina in panne da qualche parte. i crackers ci stanno benissimo dopo questa disavventura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì...poi con i giri che fai tu ;-)))).
      Eh sì, li avessi avuti sarebbero stati proprio provvidenziali :-D

      Elimina
  6. Oh! Finalmente rusco a commentare dal telefono! Sono anni che non riesco ed ho scoperto l'arcano, i famosi cookies 😅 adoro questo racconto e sono certa che questo cracker siano davvero deliziosi e da provare! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Viviana! E felice che tu sia riuscita a superare i problemi tecnologici :-D. Provali, provali! Ti abbraccio

      Elimina
  7. Il tuo racconto è così avvincente che quasi non leggevo la ricetta dei tuoi crackers che con l'aggiunta della cipolla rientrano sicuramente tra quelli che farò. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Milena, grazie!!! In effetti questo post è più racconto che ricetta... però davvero ti consiglio di provarla perché sono sfiziosissimi!!!!!!! :-D Un bacione

      Elimina
  8. Irresistibili, grazie della ricetta che ti rubo subito!!!

    RispondiElimina
  9. Eh si! Devono essere proprio buonissimi.Anche a me piace la cipolla...li proverò, un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Come ben sai, adoro leggerti e trovare post come questo, racconti che strappano sempre più di un sorriso è davvero una gioia. Poi, va beh, la tua proposta gastronomica è sempre più che preziosa.
    Baci!
    MG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria Grazia! Grazie mille :-) <3
      Tutto racconto e poca ricetta ;-))))
      Un bacione

      Elimina
  11. Maaaaa... Lo sai che ultimamente sto facendo un botto di crakers per servizi di lavoro? Come sono belli e sani i tuoi... i miei ultimi (proprio con la cipolla), tenevano un tantino di burro, ma li rifarei 10, 100 volte! Ovviamente rifarò anche i tuoi, perchè io adoro i semi!
    Ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma daiii!!! Con il burro....e la cipolla... chissà che buoni!!
      Fammi sapere se questi ti piacciono.
      A presto!

      Elimina
  12. Ciao Giovanna, grazie mille per aver provato questi cracker e complimenti per la variazione sul tema. Anche io adoro la cipolla alla follia. Proverò la tua versione! Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Martina! Grazie a te della ricetta e del passaggio qui.
      Un abbraccio

      Elimina
  13. Vabbè, Martina è una garanzia nelle sue ricette, immagino la bontà di questi Crakers. Per il racconto, io non so che mestieri fai tu ma di sicuro so che potresti fare la scrittrice. Mi fai sempre uscire un sorriso con i tuoi racconti di vita reale. Comunque questo clichè che le donne al volante sono imbranate non riusciamo a togliercelo di dosso mannagia alla miseria. Un abbraccio Giò e buona domenica, ogni tanto arrivo a leggerti ... ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Creano dipendenza, Terry!!!
      Che cara che sei :-). Sono un' analista programmatrice! Decisamente non una scrittrice ;-).
      Un grande abbraccio a te e buona settimana

      Elimina
  14. Lo confesso, non passo di qui frequentemente, ma quando lo faccio poi recupero il tempo perduto e mi perdo nei tuoi racconti, li leggo tutti uno via l'altro, tutti bellissimi. Quel "sì sì è donna" mi ha ribaltata, ma mi ha strappato un sorriso! 😃 mentre mi risvegliato alla memoria di quel vigile che fermò me (tantissimi anni fa) per un controllo e che chiese al collega: "questa ce l'ha la cintura?" (questa 😂 non so se mi spiego! ancora oggi mi girano le scatole a pensarci!).
    Ti abbraccio e ti rubo la ricetta dei crackers! Alla prossima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa mi hai fatto venire in mente, Catia....!!! Magari lo racconterò nel prossimo post :-D
      Ruba ruba che so' bboni ;-)
      Ti abbraccio e grazie del tuo passaggio

      Elimina
    2. Davvero?? Attendo con impazienza la prossima storia allora! 😃

      Elimina
    3. Ehm sì...sai che i miei tempi sono quello che sono.... 🤣

      Elimina
  15. Sai che mi ispirano tanto questi craker, devo provarli perché adoro il croccante!... 😋
    Che bello ricordare certe vicende, ogni volta compare il sorriso e ci si ritrova leggendo 🤗 un forte abbraccio 🤗

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhh Cinzia se ami il croccante provali! Restano croccanti anche diversi gg dopo la loro preparazione.
      Ricambio l'abbraccio e grazie d'essere passata :-D

      Elimina
  16. adoro i cracker, mi ispirano tantissimo i tuoi!!😍😍😍😍😍

    RispondiElimina
  17. Bellissimo racconto! Mi hai fatto ridere tanto quando ho letto "si, è femmina"...... Sei fortissima.
    La ricetta dei salatini me la segno. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  18. Ho un debole per i vigili del fuoco...sicuramente avrei lasciato il mio numero (o sfrontata come sono, gli avrei chiesto il suo :-P)!!!
    Ho anch'io nel blog una ricetta simile e mi hai fatto tornare la voglia di sfornarli...peccato che siano una costante tentazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAHAH!!! Ti dirò, il vigile era pure carino :-D.
      Hai ragione, è difficile resistere. Eh sì: se non hai tu una ricetta simile...con tutti gli snack sfiziosi e sani con cui ci delizi ogni volta...;-)

      Elimina
  19. Spero non mi capiti mai una situazione del genere, andrei nel panico 😱
    Odio guidare e mi viene l'ansia quando sono seduta sul sedile del passeggero.
    Comunque, ottimi i crackers, bravissima
    Un saluto 😘

    RispondiElimina