mercoledì 5 dicembre 2018

Biscotti latte condensato, farina di nocciole e mandorle

Qualche giorno fa guardavo in tv l'ennesima replica di un film che mi piace molto: "Maschi contro femmine".
A parte le risate varie ed eventuali ed il fatto che è ambientato proprio nella città in cui vivo: Torino, davanti alla scena in cui a Carla Signoris viene ceduto il posto sull'autobus da una ragazza giovane e bella e suo (della Signoris) conseguente turbamento, ho riflettuto.
Ho 41 anni e non me li sento. Mi rendo conto che, sulla carta, quella decina inizia ad essere "importante" ma, niente, è più forte di me: io quell'età non me la sento o meglio...io mi sento quella di sempre.
Noto un certo...inacidimento del mio carattere ma più che attribuirlo all'età lo imputo alle persone che incrocio alle esperienze di vita che mi trovo o mi sono trovata ad affrontare (chiaramente + sono gli anni e + sono le esperienze collezionate...ma voi concedetemi questa mia illusione: non è per l'età, cribbio!).
Così ho pensato: è capitato, ultimamente, che mi abbiano ceduto il posto? No.
Ma questo non significa che i ragazzetti con cui prendo metro/bus non mi reputino una vecchia carampana...semplicemente non cedono il posto (nemmeno ai settantenni...)!
Ciò che è capitato, però, è che una collega delle nuove generazioni (che, per intenderci, Freddie Mercury ci lasciava e lei manco era nata) nel tentativo di schivarmi quando si è accorta che mi stava tagliando la strada in corridoio, si sia fermata di colpo e mi abbia detto: "Prego, signora!".
Ora... in un ambiente informale come quello in cui lavoro (nel quale ci si dà tendenzialmente tutti del "tu") e considerando che lo bazzico da ormai quasi 22 anni (da quando, cioè, la "pischella" ero io e stazionavo in un ufficio affettuosamente denominato "nursery") sentirsi apostrofare con "signora" ha il peso di un macigno.
Com'è andata a finire?
Io le ho risposto con un garbato "grazie"... vero quanto una banconota da quattro euro.
Lei, dal suo canto, non si è accorta di aver rischiato la vita ;-).
Ma che dire? Crescerà, capiterà anche a lei e...capirà :-).

Che dite? Il mio orgoglio ferito aveva proprio bisogno di leccarsi le ferite ma soprattutto i baffi gustando un buon biscotto!
Questi biscotti sono nati dall'esigenza di smaltire la farina di nocciole ed il latte condensato che stazionavano in dispensa.
Già qui vi raccontai di aver sdoganato il mio tabù sul latte condensato. Con questi biscotti gli dichiaro amore incondizionato!


Ingredienti per una sessantina di biscotti:
  • 170 gr di latte condensato
  • 170 gr di farina 00
  • 100 gr di farina di nocciole
  • 70 gr di mandorle sgusciate
  • 100 gr di burro ( a temperatura ambiente )
  • 80 gr di zucchero di canna demerara
  • un pizzico di sale
  • una bustina di lievito
  • una bustina di aroma vaniglia

Strumenti:
  • un mixer
  • una ciotola
  • una spatola
  • carta da forno
  • più teglie
Preparazione
Ho frullato le mandorle sgusciate nel mixer.
Nella ciotola ho lavorato il burro a temperatura ambiente con lo zucchero.
Ho poi aggiunto tutti gli altri ingredienti (latte condensato, sale, aroma, lievito e le varie farine) amalgamandoli velocemente con una spatola.
Ho formato una palla, l'ho avvolta con della carta da forno, ho schiacciato un po' e messo a riposare nel frigorifero per un'ora (ma anche più se volete).

Trascorso il tempo di riposo, ho acceso il forno impostando la temperatura di 170°C ed ho iniziato a formare i biscottini.
Ho prelevato delle porzioni di impasto (grandi quanto una noce), creato dei salsicciotti che ho curvato a mo' di ferro di cavallo e li ho
disposti, distanziati, sulla leccarda rivestita con carta da forno.
I biscotti sono cotti quando assumono una colorazione "tostata" ai miei sono occorsi circa 13 minuti.
A me sono venute due teglie che ho cotto separatamente (ho fatto sostare la seconda teglia in frigorifero in attesa di essere infornata).

Una volta trascorso il tempo li ho sfornati, li ho messi a raffreddare su una gratella e poi li ho chiusi in una scatola di latta.
Il profumo di questi biscotti è inebriante così come il loro sapore e la loro friabilità.
Mangiati freddi sono una delizia. Il giorno dopo sono ancora più irresistibili!!!






A presto!
LaGio' Riccia

24 commenti:

  1. Conosco poche ricette che prevedano il latte condensato. Aggiungerò la tua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io le sto scoprendo a poco a poco! Fino ad una manciata di mesi fa il latte condensato non era mai entrato in casa mia!

      Elimina
  2. che ridere sei troppo forte!!!!Ora mi gusto i tuoi deliziosi biscotti. Baci Sabry

    RispondiElimina
  3. Il primo "signora" che mi sono beccata ha distrutto anche me. profonda tristezza. Certo bazzicando per lavoro con ragazzi che hanno 20 anni meno di me alla fine ti tocca il signora, ma non ci ho ancora fatto l'abitudine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Ha distrutto anche me" rende perfettamente l'idea!!!!! ahahahah
      un abbraccio

      Elimina
  4. Veramente ottimi, passo ricetta a figlia per mio nipote. Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Edvige! Poi fammi sapere se il nipote ha gradito, allora! :-)

      Elimina
  5. ahahah..povera pischella, ha rischiato seriamente un infortunio sul lavoro :-P Scherzi a parte, io sono dell'idea che non conta l'età sulla carta ma come si vive la vita..ti assicuro che ci sono dei 30enni molto più vecchi di alcuni 50enni!
    Cmq ogni scusa è buona per sfornare qualche biscottino e questi devono essere divini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì...in effetti volevo solo una scusa per sfornare dei biscotti....!!!! ahahahaha :-*

      Elimina
  6. Gioia sei tornata!!! Non mi dire che sei tornata da parecchio che mi mortifico... è un sacco di tempo che sono fuori dal giro. Lo sai che te li copio sti biscotti? Non li ho mai fatti con il latte condensato e sono curiosa. Un bascione cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty, porca miseria! Sono tornata...diciamo da un pochino (ma con pubblicazioni rade) ma, è vero, non sono più passata a trovarti.
      Mi fai sapere se ti piacciono questi biscotti? A me sono piaciuti un sacchissimo!!!!!!!!!!
      Un bascio immenso! spe' che arivo da teeeeeeeeeeeee

      Elimina
  7. Ho qualche anno più di te, qualche giorno fa nella metro una ragazza mi voleva cedere il posto. Con un sorriso e una frase gentile ho rifiutato, ma ci sono rimasta un po'male. Okkei, prendo un tuo biscotto, ci abbino un tè e mi sento meglio!

    RispondiElimina
  8. Mi piacciono molto i dolci con il latte condensato, deliziosi i tuoi biscotti!

    RispondiElimina
  9. Ho 45 anni, per ora non li sento :) e ti capisco, i "signora" mi disturbano ma sono obbligata ad accettarli :)
    Non pensiamoci e mangiamo insieme qualche biscotto :)
    Un abbraccio cara!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua è una proposta che accolgo con molto piacere!!! :-D
      Un abbraccio

      Elimina
  10. Deliziosi, bravissima cara!
    Buona serata, a presto!

    RispondiElimina
  11. non ho mai provato ad inserire il latte condensato in un impasto, ma questa potrebbe essere la volta buona :) aspetto delizioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me questa è stata la prima volta in assoluto e devo dire che è stato un esperimento riuscito!!
      Grazie d'essere passata :-).
      A presto

      Elimina
  12. ho compiuto ahimè i cinquanta da qualche mese e....il "Signora" ormai è sulla bocca di tutti purtroppo...che tristezza...
    rubo anche io un biscotto per consolarmi, valà... ;)
    Un abbraccio e buon we

    RispondiElimina
  13. Questi biscotti devono essere deliziosi! Trovo molto interessante l'utilizzo del latte condensato nell'impasto....da provare ^_^
    Buona domenica

    RispondiElimina