mercoledì 15 febbraio 2017

Scones o sKones?!

...gli Scones di Ernst Knam...

Qui (*troverete il perché del dubbio amletico espresso nel titolo 

Quasi 5 mesi fa in un appartamentino sito al secondo piano di una palazzina in quel di Torino...

LoveOfMyLife: "Andiamo a Londra?"
LaRiccia: "TIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!!!!!"
LoveOfMyLife: "Cosa vorresti fare a Londra?"
LaRiccia: "Merenda! Alle 5 o' clock p.m." - giusto per darmi un tono e per calarmi nell'atmosfera - " Con una tazza di thé con i controcazzi seria e uno scone così capisco cosa minchia è!"

(Ovviamente quello sopra riportato è il bignami della conversazione realmente intercorsa tra i due personaggi)

Sì perché dovete sapere che, nonostante io sia più volte incappata in post sul tema, non ho mai capito bene bene bene la consistenza di quelli che a me parevano dei biscottoni di frolla spessa ma morbida.

Qualcuno di voi sbarrerà gli occhi davanti alla sola richiesta di andare in una sala da thé visti i tanti rinomati e fantastici posti da visitare a Londra. A mia discolpa tengo a precisare che questo sarebbe stato il mio 5° viaggio con destinazione Londra :-)  (anche se questa precisazione accresce la mia colpa per non essere mai stata in una sala da thé prima ^_^) quindi diciamo che ci può anche stare di avere espresso quell'unica velata preferenza.

E fu così che riuscii a gustare il primo scone della mia vita (presa dall'entusiasmo mi lanciai addirittura in una conversazione in inglese con la ragazza che ci aveva serviti ^_^).
La sala da thé in cui si consumò il delitto si chiama "Yumchaa" ed è sita all'interno di Camden Town. In puro stile country inglese con mobili in legno bianco, divanetti, sedie e poltrone è una tea house molto accogliente che, in quanto casa del thé, offre una vastissima scelta di thé profumati.

Ma veniamo a questi "scosi"...
Gli scone sono focaccine di origine scozzese. Possono essere di forma triangolare (in origine erano rotondi e grandi per cui venivano serviti tagliati a spicchi), esagonale o, più comunemente, rotonda.
Ne esistono di svariati tipi: dolci con uvetta (come quelli che abbiamo mangiato noi) ma anche con scaglie di cioccolata, etc.. oppure salati.
Vengono serviti tagliati a metà e scaldati su una piastra o griglia ed accompagnati da clotted-cream (una crema ottenuta dalla panna) e confettura di fragole. In qualità di non amante di grassi animali a freddo (già! Burro compreso) mi sento comunque di consigliarvi di provare questa clotted cream sullo scone caldo ed insieme alla confettura. Una vera leccornia.

Quelli che abbiamo mangiato noi in loco hanno l'esterno croccante e sbricioloso quanto una frolla e l'interno morbido quanto una focaccina.

Due settimane fa...

..a seguito di un mio raid in libreria ho comprato, tra gli altri, il libro di Ernst Knam "Dolce dentro".
Una delle ricette da lui proposte è proprio quella degli scone perciò quando ho visto che la domenica si preannunciava piovosa, ho deciso che era ormai giunto il momento di fare un salto nel recente passato ricatapultandoci in quella tea house di Camden.

Piccola precisazione: questi scone sono diversi da quelli che ho assaggiato. Sono più "biscottone" (per quanto comunque morbidi) e meno "focaccina".
(*)Per cui il dubbio espresso nel titolo deriva dal fatto che, essendo diversi da quelli che io definisco "originali" (perché mangiati in loco), questi mi sembrano la personale interpretazione degli scones da parte di Knam. 
La ricetta non prevede l'uvetta né tantomeno lo zucchero. Sono leggermente salati e possono essere consumati sia con il salato che con il dolce.
Sono anche più piccoli (la ricetta prevedeva l'uso di taglia biscotti del diametro di 4cm. Io ho optato per uno di 5cm e comunque quelli provati a Londra erano più grandi)
Nel nostro pomeriggio uggioso abbiamo scelto di accompagnare gli scone con una bella tazza di thé della Whittard of Chelsea (acquistato proprio a Londra) "Apple & Elderflower", semplice burro e della confettura di ramassin e prugne (perchè era l'unica confettura sui colori del rosso di cui disponevo in casa).

INGREDIENTI (tra parentesi gli ingredienti originali):
  • 70 gr. di burro morbido a temperatura ambiente
  • 300 gr. di farina Pan Di Sempre del Mulino Marino (farina 00 semplice)
  • 20 gr. di lievito in polvere 
  • 3 gr. di sale (sale di Maldon)
  • 1 uovo intero
  • 100 ml di latte parzialmente scremato (tipo di latte non specificato)

per la farcitura:
  • 200 gr. di burro o clotted cream
  • 150 gr. di confettura di prugne rosse e ramassin (fragole)
STRUMENTI:
  • una terrina
  • un coltello
  • una coppetta
  • una forchetta
  • pellicola trasparente
  • un mattarello
  • una leccarda
  • un coppapasta del diametro di 5cm
  • carta da forno
PREPARAZIONE:
Ho tagliato il burro a tocchetti e, una volta ammorbidito, l'ho impastato con la farina, il lievito ed il sale.
Ottenuto un composto sabbioso, ho aggiunto il latte sbattuto a parte con l'uovo (li ho sbattuti leggermente...per amalgamarli un po').
Il composto risultante deve essere compatto e ben amalgamato.
Ho avvolto il panetto nella pellicola trasparente e l'ho lasciato riposare per 10 minuti.

Nel frattempo ho acceso il forno impostando la temperatura di 150°C.

Ho poi steso l'impasto fino a farlo diventare dello spessore di 9 mm, ho coppato con il coppapasta ed ho adagiato i dischetti così ottenuti sulla leccarda rivestita con carta da forno.

Ho infornato e fatto cuocere finché gli scones non sono diventati appena dorati (il mio forno ha impiegato 25 minuti contro i 15 indicati da Knam nel suo libro).
Estratti dal forno, ho messo gli scones a freddare sulla gratella per dolci.

Arrivate le 5 del pomeriggio...ho scaldato l'acqua del thé...ho tagliato a metà gli scones e li ho messi a scaldare sul termosifone (ovviamente non a contatto degli elementi ma su un foglio di carta d'alluminio)...li ho spalmati con del burro e poi la confettura! :-)

E buona merenda a tutti!!





E questa è la foto della merenda "british":





Un bacione ed a presto!
LaGio' Riccia

16 commenti:

  1. Mai fatti gli scoones, anche se li adoro...a Londra ne facevo incetta a colazione ehehehe ;) ti sono venuti una meraviglia!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciau Simo!!!
      Ma che buoni sono gli scones?!?!? Ne avrei magnato uno via l'altro ;-)))
      grazie

      Elimina
  2. E' vero gli scones assumono consistenza diversa a seconda delle ricette, difficile credere che Knam sbagli colpi per cui saranno certamente buone, alla vista lo sembrano di sicuro. Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Knam è proprio bravo, c'è poco da fare ed il suo libro me lo ha fatto apprezzare ancora di più! :-)
      A presto!

      Elimina
  3. Ma fatti!!! Mi hai molto ma molto incuriosito! Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie a te d'essere passata a trovarmi! :-)

      Elimina
  4. Ma sai che anch'io mi sono sempre chiesta che sapore avessero questi scones?? Direi che potrei proprio iniziando ad assaggiare i tuoi sKones :-P
    La prossima domenica piovosa mi presento a casa tua :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tiiiiii!!!!! Vieni vieni!
      Io ho provato la tua torta ciocco-mela :-D
      Un bacione

      Elimina
  5. ho qualche giorno fa preparato gli scones,presi da un libro americano e forse per questo differiscono dai tuoi,i miei hanno anche il bicarbonato,l'impasto viene piegato in tre e poi steso,una volta cotti risultano fuori duri,croccanti, dentro morbidi,comunque buoni salatini appena appena,grazie della tua versione,da provare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cappero! Ora mi hai incuriosita!!! Li voglio provareeee! ^_^

      Elimina
  6. Gli scones per me restano un mistero, proprio per il motivo che dici tu: non si riesce a capire come minkia devono essere, alla fine! Io ho provato a farli tre volte: la prima con una ricetta vista su un blog di un'americana, e seppur buoni, sembravano, per l'appunto, dei megabiscottoni. La seconda, ho seguito la ricetta di un'amica che, come te, li aveva mangiati in Inghilterra (dove sono stata anch'io, ma gli scones non li ho mai mangiati, e neanche il té, ma sul té per mé... no, me... c'è tutto un discorso a parte che non ti sto a fare che non è luogo né momento) ed era riuscita a trovare una ricetta che li riproduceva abbastanza fedelmente, e in effetti mi sono venute queste focaccine che dici tu, morbide e buone da farcire. La terza volta ho seguito una ricetta di Laurel Evans sul suo libro American Bakery, e ho fatto il disco grande diviso a spicchi, e m'è venuta un'altra cosa diversa dalle prime due.
    I tuoi mi paiono addirittura diversi da tutti quelli che ho provato a fare io... ahahahahah! ma che skazz' di skones!!!
    E comunque, maccheccenefregaanoi?!? Basta che so' boni, e i tuoi lo sembrano di sicuro!!!
    Baciotti, e buon weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah!!!!!!
      In effetti basta che siano bbboni :-D
      Io però una volta voglio provare a farli quelli focacciosi! :-/
      Ti abbraccio

      Elimina
    2. Sul blog mio c'è la ricetta di quelli che ho fatto io. Se vuoi provarli ti dò il link esatto. Erano buoni veramente, dovrei rifarli anch'io ;-)

      Elimina
    3. Bene! Allora la provo! (Tranquilla, me lo cerco io il link....così perlustro un po' il tuo blog) :-*

      Elimina
  7. Quando vado in Inghilterra ne mangio quintali, ma non li ho mai fatti in casa, copio la tua ricetta!
    Baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciau Alice!
      Questi sono diversi da quelli che ho provato in loco. Diversi ma particolari e molto buoni :-).
      Un bacione

      Elimina