giovedì 23 ottobre 2014

Risotto alla zucca con julienne di speck croccante

Ottobre è il mio mese preferito.
Gli alberi si colorano di rosso.
I primi freddi (stamane poco fuori Torino c'erano 5 °C ^_^) fanno tornare la voglia di coccolarsi con una buona tazza di tisana fumante, sfogliando una bella rivista di cucina o leggendo un bel libro.
Il profumo di caldarroste, per le vie del centro, risveglia ricordi lontani di quand'ero piccina e la mamma ci preparava le caldarroste a casa, con la padella bucherellata.
E poi è il mio mese!!!
Ben 37 anni fa vidi i natali in quel di Imperia. Era un sabato, il 15, ed io nacqui con parto cesareo alle ore 9:50 del mattino.
Uno scheletrino - così mi racconta mia mamma poiché dacché ne ho memoria io mi sono sempre vista "morbida" - di 3,120 kg per 55 cm di lunghezza (almeno una volta nella vita posso dire di essere stata magra!!!).
Mio nonno paterno, appena mi vide, esclamò con candore ed affetto "sembra uno screpiùn" (n.d.r.: praticamente un geco).
(Tranquille: nonostante questo brusco inizio, mio nonno mi volle molto bene...diciamo solo che tendeva a non darne mostra, ecco).
Crebbi con una particolare avversione per le fotografie. Il flash mi spaventava. Una foto scattata il giorno del mio primo compleanno mi ritrae in braccio al papà (con tanto di basettone e dolcevita bianco come tanto si usava negli anni '70...sembrava uscito da un episodio di Starsky & Hutch), con salopette in velluto a coste blu scuro e dolcevita bianco anch'io (con ogni probabilità al mercato di Diano Castello c'era stata una svendita), lucciconi agli occhi per lo spavento che mi ero presa a causa del flash della macchina fotografica ed una bellissima zucchetta ornamentale in mano.
Sono passati un po' di anni, da allora, costellati di scaramucce con mia sorella finite come d'incanto quando, a detta sua, sono diventata improvvisamente simpatica.
Tante cose sono accadute. Belle e meno belle.
Le zucche ornamentali continuano sempre a piacermi (di + a mia mamma) ma mai quanto mi piacciono  (commestibili, eh!!!) nei risotti.
Mollo qui la storia della mia vita e vi lascio con questa ricettina che cucinai per la prima volta un anno fa circa, quando vennero a cena la mia amica Silvia con suo figlio Simi.

Ingredienti per 4 persone:
  • 320 gr. di riso Carnaroli
  • 350 gr. di zucca "Marina di Chioggia" tagliata a dadini
  • un piccolo porro di Cervere
  • 80 gr. di parmigiano reggiano
  • 750 ml di brodo vegetale
  • due cucchiai di olio evo
  • salvia tritata
  • una macinata di pepe nero
  • 100 gr. di speck tagliato a fettine sottili
  • sale grosso
Strumenti:
  • un tagliere
  • un coltello
  • una padellina
  • una pentola per il brodo
  • un tegame
  • un mestolo

Preparazione
Per prima cosa ho tritato finemente il porro.
Ho preso un tegame ed ho fatto appassire il porro con due cucchiai di olio evo.
Dopo qualche minuto ho aggiunto il riso e l'ho fatto tostare insieme ad una manciata di sale grosso.
Ho poi aggiunto la zucca a dadini (si scioglierà durante la cottura), l'ho fatta rosolare  e poi ho iniziato ad aggiungere il brodo, un mestolo alla volta e sempre aspettando che si assorbisse prima di passare al mestolo successivo.
Mentre il riso cuoceva, ho tagliato a striscioline lo speck. Cinque minuti prima della cottura del riso ho messo a scaldare una padellina sul fuoco e, una volta calda, ho messo a dorare lo speck senza aggiungere condimento.
Raggiunta la cottura, ho spento il fuoco, spolverato con un po' di salvia tritata ed ho mantecato il risotto con il parmigiano grattugiato.
Dopo un paio di minuti ho servito nei piatti ed ho decorato con la julienne di speck croccante.

Che buono il risotto!!!!


61 commenti:

  1. A me piacerebbe leggere il seguito della storia della tua vita! :o)

    RispondiElimina
  2. Quando ho letto "mi piace il mese di ottobre" ho pensato che ti piacesse vincere facile: è il nostro mese!!! Ahahahahahah
    Mi sono divertita un sacco a leggere le chicche della tua vita e a scoprire le emozioni dietro le parole (di tuo nonno hai ricordi dolci e amari, vero?). Ma devo dire che hai concluso alla grande: questo risotto è un abbraccio avvolgente che gratifica il palato e che fa sorridere. Sei grande Giovanna!!
    Un bacione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. accidenti!!! mi hai sgamata subito ^_^ eheheheh
      ehhh il mio nonno era un contadino. un uomo solido, di polso. con due manone grandi. con la pelle colorata ed anche segnata dal sole. Se n'è andato che ero ancora piccola e quel che mi è rimasto + impresso sono i ricordi dolci :-)).
      Un bacione, stellina! Troppo buona :-)

      Elimina
  3. Bella Gio', anche io mi sono beata nel leggere la tua storia e i tuoi ricordi!!!
    Perché una ricetta senza un racconto, rimane così fine a se stessa..., quelle possiamo leggerle sui giornali!!!

    Noi qui invece lasciamo scorci di vita...
    Belli, brutti, allegri, tristi...
    Ma in questo modo ci lasciamo conoscere, ed è come se si annullassero le distanze, come se poco fa mentre leggevo, io ti avessi avuta davanti!! :)))

    Poi certo, il risotto che hai preparato per la tua amica Silvia è delizioso e l'abbinamento zucca-speck mi piace tantissimo!
    Gnammete...

    Ti auguro un bellissimo we, per tutto ciò che desideri!
    Bacino :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emmetì, stelassa, tauuu!!!
      Grazie!!! Sono contenta che ti sia piaciuto leggere di me :-))
      Sai...alla fine io proprio food-blogger non sono (si era capito dalle foto, dalle stoviglie che purtroppo sempre quelle sono perché da noi manca lo spazio) ma mi piace condividere quel poco che faccio e condirlo con qualcosa che parli di me (che poi il "me" è la persona che posso dire di conoscere meglio in assoluto).

      Ok leggersi...però io prima o poi ste distanze le vorrei accorciare per davvero, eh?! ;-))

      Un bacione immenso!!!

      Elimina
    2. A chi lo dici!!!!!!!!!!!!

      E dai, proviamo ad accorciare...
      Perché tu e Loveofyourlife non programmate un we romantico a Roma???
      Io forse, a gennaio, ho un programmino per salire a Torino... (bella la rima no??).
      Chi farà prima????

      Dai, dai, dai!!!!! :DDDDDDDDDDDDD
      Un baScione immenso a te!

      Elimina
  4. Il risotto è una bomba, fra i miei preferiti, io pure sto amando questo ottobre pieno di sole e aria frizzantina, con colori fantastici, le montagne che intravedo guardando fra i palazzi, le foglie secche che scrocchiano sotto i piedi, le castagne calde che ustionano le mani, le zucche allegre, colorate, versatili, ecc....un bacio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sìì!!! tante cose belle!! ed anche l'ora solare che ci ha fatto dormire un'oretta in + ;-)
      un bacione anche a te, Lilli!!!

      Elimina
  5. Noooooooooooooooooooooo ma come, mi molli cosììììì! io volgio sapere tutto! tutto della prima volta che hai camminato! della prima parola che hai detto! della prima volta che sei andata in bici!! della prima volta che hai sputato!!! della prima volta che hai rubato le caramelle al supermercato!! il tuo primo giorno di scuola!!! la prima volta che hai guidato l'auto! e la prima volta che... vabbè quasi tutte le prime volte! e poi passiamo pure alle seconde :)

    uffa..... vabbene, mi accontento del risotto, per oggi :)))) (oggi per me è stata la prima volta che ho sentito nominare la zucca di Marina di Chioggia e il porro di Cervere... no, dico, nel caso volessi sapere anche tu le mie prime volte:)

    ps. ammè mi fai morire :)))))))))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^
      ahahahahahahahah
      moltissime delle prime volte che hai citato le ho fatte in età + che adulta!!! Un mio ex-collega molto carinamente un gg commentò "ma finora che hai fatto? praticamente non hai vissuto!". (Inutile dire che l'ho seccato con una bella occhiataccia)

      Ovviamente le tue prime volte mi interessano tantissimo. Prima o poi ce le racconteremo :-)))
      un abbraccione

      Elimina
  6. Che bel post, i ricordi della tua infanzia mi hanno messo allegria. Anche perchè assomigliano un po' anche ai miei, anche mio papà aveva i basettoni nella mia foto di compleanno ma a differenza di te ero bella rotondetta già appena nata :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheheh uhhh ma io mi son subito ripresa! Sarò stata secca giusto una volta fuori dalla pancia di mamma :-D.
      che bello leggere di avere in comune certi ricordi..che fanno sorridere!!!!
      un bacione

      Elimina
  7. Un bellissimo racconto con ricordi beli e meno belli, che rimangono per sempre nella memoria. Vivi a Torino ?... allora abitiamo abbastanza vicine. I miei figli fanno università a Torino e tutti i giorni vanno avanti e indietro con il treno. Che fatica per loro !. Con le giornate fresche, anche se c'è il sole, questo risotto riscalda il cuore ! Buonissimo e croccantissimo ! Buon fine settimana ! Claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciau Claudia!!! Sì, vivo dalle parti di Torino!!
      Hai ragione: la vita da pendolare è faticosa...però è una gran bella fortuna che possano studiare, vero?
      Ti abbraccio!

      Elimina
  8. Anche io sono di ottobre, del 27 per la precisione, e come te amo questo mese e l'autunno in generale. La sua velata malinconia mi coccola e mi avvolge, l'aria fresca mi fa riscoprire il piacere di stare a casa a preparare qualcosa di buono... come darti torto? Intanto auguri per il tuo compleanno passato! e poi... buonissimo risotto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GRAZIEEEEEEEEE!!!!! Sì, il risotto ce lo siamo scofanato tutto senza pietà a colpi di mestolo!!!
      Concordo su tutto!! :-)

      Elimina
  9. QUANTI BEI RICORDI!!!!!!ASPETTO CON ANSIA IL SEGUITO DELLA STORIA!!!!SOLO OGGI HO SCOPERTO CHE NON ABITIAMO POI TANTO LONTANO, TU VICINO A TORINO, DOVE PRECISAMENTE???IO A SAVIGLIANO, MAGARI PRIMA O POI RIUSCIREMO PURE A INCONTRARCI!!!!PERCHE' NO????STUPENDO IL TUO RISOTTINO, PROFUMI E SAPORI FANTASTICI, ADORO LA ZUCCA!!!!BACI CARA,CIAO SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciau Sabry!!! Sicuramente non mancherò di raccontarvi il seguito :-))
      Trofarello!!!
      Dai, una volta potremmo combinare :-))
      un bacione!
      P.S.: come va il tuo lavoro?

      Elimina
  10. Eh già, torna l'autunno, tornano le zucche, e con loro la voglia di conoscere e sperimentare nuove ricette per prepararla. Il risotto alla zucca è un classico intramontabile, la julienne di speck croccante è il tocco da maestro, quello che rende esclusivo un piatto che è davvero un must di stagione.
    Grazie a te, zucchetta bella coi ricci ;-) , per l'apprezzato suggerimento che terrò a mente la prossima volta che parò un risotto alla zucca :-)
    Bacioni, e buon weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Minnie, tauuuuuuu!!!!
      sono contenta che ti sia piaciuto lo speck croccante!!! io c'ho il debole...lo puccerei pure nel caffelatte!! ^_^ ehm (non dicono tutti che in cucina bisogna osare?!?! ehm)
      un bacione grande!!!

      Elimina
  11. Ma che tenera la piccola Giò, t'immaginiamo piena di ricci, una bella bimba dolce e vivace!! Chissà che bello l'autunno torinese, con i suoi splendidi parchi e la vista delle montagne innevate....il risotto alla zucca è anche uno dei nostri preferiti, con lo speck croccante sarà ancora più godurioso e conquisterà anche i meno vegetariani :)
    Un bacione bella, e buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pancettine belle, grazie come sempre del vostro passaggio dalle mie parti!!
      sì, le montagne innevate provocano sempre un bel tuffo al cuore :-)...anche se chi scrive in autunno adora da matti anche il mare!
      un bacione!!

      Elimina
  12. 6 magnetica quando racconti e sai divertire e coinvolgere come pochi...tanti auguri e complimenti x questo delizioso risottino :-D
    Trascorri un sereno we e a presto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciau zietta!!! ma grazie!! sono contenta :-)))))))
      grazie degli auguri!!!
      un bacione

      Elimina
  13. Ma bontà!!!!!! Io ero il contrario di te: 5 chili... una palla!!!! Sono diventata scheletrino dopo.... poi mi sono rifatta... ora sono di nuovo palla!!
    Un bacsione gioia e buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheheheh la mia magrezza è durata poco!!! ^_^
      un bascione a te!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
  14. Mi piace molto la storia della tua vita.... auguri anche se passati. Anche a me piace molto la zucca, in tutti i modi: dolci, salati ... poi ha un colore che mette allegria, non trovi? Buono lo facevo spesso in Italia il risotto con la zucca, un must autunnale. Cinque gradi solo a Torino? Brrrrrrr qui in questo momento ci sono 22 gradi ... Soffio un pò di caldo da voi ma siete troppo lontani ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciau Terry cara!! Grazie :-). Sì quell'arancione così acceso mette allegria, hai proprio ragione!
      Sì, al mattino fa fresco e poi durante il giorno le temperature diventano decisamente miti!
      Ti abbraccio e in bocca al lupo per tutto!!!!!

      Elimina
  15. Allora, anche se in ritardo... Tanti Auguri!!!
    Speck e zucca insieme sono perfetti e il tuo risotto deve essere squisito, bravissima!!!
    Bacioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciau Ely! Grazie!!!!!!
      A noi è piaciuto tanto tanto!!!
      un bacione

      Elimina
  16. Che bel racconto Giovanna! I ricordi animano il nostro presente e gettano il seme per il nostro futuro...guai a non farne tesoro...Quasi riesco a percepire il profumo di quelle caldarroste! Bravissima, mi hai emozionato e anche deliziato con il tuo meraviglioso risotto! Un bacione, Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mary!!!! Eh sì...in fondo noi siamo la somma di tutto ciò che abbiamo vissuto :-)
      Mi hai fatto un bellissimo complimento: averti emozionato :-). Grazie di cuore!
      Un bacione e a presto!

      Elimina
  17. Ecco, io non faccio un uso sfrenato della zucca ma il risotto con questa, mi piace assai!
    Bella Riccia in questo periodo stai facendo uno studio sull'abbigliamento anni 70? Ahahahah! Anche io me li ricordo i dolcevita bianchi! Ho sempre odiato il collo alto poi!
    Io non sono nata geco ma panda, poi per una 20ina d'anni sarda (acciuga mi pareva troppo), per poi tornare panda.;)
    Bacio bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti tra questo post e quello alle pittule dello zio per eccellenza...e daje di 70's!!! :-D
      A me faceva venire un tal prurito sto dolcevita!!
      un bacione ;-))))

      Elimina
  18. Che tenera che avevi paura delle fotografie!!
    Io invece sai di cosa avevo il terrore?
    Delle fotocopie!!
    Mia mamma per farmi satre buona mi diceva sempre "Marghe se non fai la brava ti faccio una fotocopia" e io mi azzittivo atterrita :))))
    Delizioso questo risottino, così cremoso e saporito!!
    Un bacio grosso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marghe ma paura seria, sai?!?!? Mia mamma racconta che appena vedevo una macchina fotografica scoppiavo a piangere come se mi stessero scannando e lei ed mio papà non sapevano che pesci pigliare!! Poveri,chissà che spagherro ^_^
      AHAHAHAHAHAH!!!! Mi piace un sacco l'idea della tua mamma che ti minaccia a suon di fotocopie!!!! AHAHAHAHAHAH!!
      Un bacione

      Elimina
  19. Adoro questi racconti di vita famigliare .... che tenerezza! E che splendore sto risotto!!!!

    RispondiElimina
  20. Mi lascio sempre coinvolgere dai tuoi post. Ed ovviamente dai tuoi piatti deliziosi!
    Buon pomeriggio e grazie!!!
    MG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che carina, Maria Grazia!!!! Ma grazie a te e della tua affettuosa presenza :-*

      Elimina
  21. Ma che bel racconto Gio, mi piace immaginarti piccolina in braccio al tuo papà... sai che anche io odiavo il flash? Tuttora lo detesto cordialmente. Invece amo moltissimo il tuo risotto, e come potrebbe essere altrimenti con tutta quella zucca ;) Un bacione a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh beh con quella luce accecante che arrivava all'improvviso...come si faceva a non odiarlo?!?!? ^_^ Un bacione immenso

      Elimina
  22. Che storia dolce Giò ...perfetta per questa ricetta stile comfort food! Ora ti seguo anche io, baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Romina!!!!! Ben venuta e grazie di cuore! Un bacione

      Elimina
  23. Lo speck è la morte sua... della zucca! E anche a me piacciono sia ornamentali che non! Un piccolo, adorabile geco pieno di ricci! Speciale dalla nascita, non avevo dubbi! :) Auguri in ritardo, carissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahhaha un geco ricciuto!!!! ma te lo immagini?!?! Con la cofana alla Jackson Five?!?!?! ahahahahha un bacione grande tesoro bello!!!!

      Elimina
  24. A parte i colori, le coccole ed i piatti che si mangiano in sto periodo, sono sincera se penso al freddo mi viene da piangere....Mi consolerò leggendo un'altra volta la tua ricetta della focaccia senza impasto!!!!
    Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehhh sì...ormai la direzione è quella: si va verso il freddo. Forza e coraggio!!! Un bacione

      Elimina
  25. Che meraviglia questo risotto!!!!
    Complimenti davvero!!
    Un caro abbraccio e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciau Carmen!! Grazie! Ricambio il tuo abbraccio :-)

      Elimina
  26. Ottimo l'abbinamento degli ingredienti. Complimenti per la ricetta e un abbraccio

    RispondiElimina
  27. un post tenerisimo per presentare un risotto gustosissimo!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  28. Bellissimo leggere il tuo racconto, mi ci ritrovo :)
    Il risotto poi è straordinario e con la giornata grigia che oggi ci accompagna direi... perfetto!!!
    Un abbraccio, a presto!!!

    RispondiElimina
  29. Ciao Lory!!! Dolcevita e basettoni anche il tuo papà?!?!? ;-))))))
    Questo risottino me lo vedrei bene anche oggi!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  30. Bellissimo racconto!! Sto rotolando dalle risate! Mi piace l'aggiunta dello speck a questo risotto...effettivamente contrasta bene con la zucca! Mi piace!! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-D contenta ioooo!!! Uhhh sì, prova lo speck! Poi croccante ha il suo perché (già da solo...ma nell'insieme...spacca!!! ehehehe).
      Un bacione

      Elimina